Democrazia liquida: strumento per tornare a partecipare alla politica

Scritto su Pressenza  il  13 marzo 2013

Federico Pistono è un cyber attivista, blogger e tra i fondatori del Movimento Zeitgeist in Italia. Come precisa lui stesso sta nel Movimento 5 Stelle fin dall’inizio. In questi giorni ha lanciato un video appello su you tube al Movimento e a Grillo chiedendo un’accelerazione sul tema della democrazia liquida; l’appello è stato già visto, mentre scriviamo quest’articolo, da oltre 16.000 persone ma non pare che abbia ancora ricevuto risposta.

Gli abbiamo fatto alcune domande veloci per approfondire il tema della democrazia liquida.

Cosa si intende per democrazia liquida?

 E’ un processo di collaborazione nella stesura delle leggi tra i cittadini e gli eletti in cui si lavora insieme in maniera democratica e trasparente per mezzo di strumenti tecnologici adeguati; in maniera immediata e senza dover aspettare 5 anni per cambiare le cose. Con la democrazia liquida io posso scegliere se partecipare in prima persona o delegare qualcun altro nella realizzazione di proposte politiche che ritengo importanti.

Ieri il Partito Umanista ha rilanciato la Legge di Responsabilità Politica invitando il 5 stelle a farla mettere in votazione; una legge che impone di sottoscrivere un programma e che stabilisce criteri di controllo e verifica permanenti; si tratta della stessa cosa?

No, non proprio. Decidere tutto prima, presentare un programma preciso e vincolante può non essere la migliore soluzione. Certo, avere una linea politica generale ed attenervisi va bene; ecologia piuttosto che incenerire i rifiuti; ma le leggi debbono essere fatte in un contesto: la democrazia liquida è l’idea di mettere in moto un processo in cui chi partecipa vede se poi ha davvero l’appoggio del popolo; non posso fermarmi all’ideologia a priori, debbo vedere come essa si applica alle cose.

Possiamo dire che la democrazia liquida è una forma per consentire alla gente di tornare sul serio a partecipare alla politica.

 Assolutamente. Sì, un metodo per riproporla tutti i giorni. Perché tu sia potenzialmente, tutti i giorni, attore della vita politica.

Mi pare una cosa: il livello del dibattito, in certi ambienti, è molto alto; al tempo stesso capita di tornare tra la gente (ma anche sui giornali e in TV) e sentire parlare di cose molto terra terra. Come possiamo colmare questa distanza?

Si colma con cultura e istruzione. Ed anche con progetti che aumentino la cultura e l’istruzione. Cominciamo a dare la possibilità di partecipare. Però all’inizio saranno pochi a praticare la democrazia liquida. Poi, man mano, aumenteranno. Come ha fatto il Movimento 5 Stelle: ha cominciato con quattro anni di lavoro per strada dove decine di migliaia di persone sono entrate in contatto, hanno capito che cos’è una economia sostenibile, come fare politica in un altro modo ecc ecc.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: