Nelle mani di Dio

Pubblicato su Pressenza il 9 giugno 2014

invocazione-osservatoreromano

foto da Osservatore Romano

Quest’articolo è disponibile anche in: Inglese

Ha avuto grande ripercussione mediatica l’invocazione per la pace che il Papa ha fatto nei giardini del Vaticano davanti ai Presidenti di Israele e della Palestina domenica scorsa.

Tanta ripercussione che quasi nessuno si è preoccupato troppo di citarla e, soprattutto, di leggerla integralmente e attentamente.

Chiariamo, non è mia intenzione sminuire le iniziative “pacifiste” del Papa attuale: chi prega per la Pace, qualunque fede professi ha la mia attenzione, il mio rispetto ed il mio sostegno; mi capita spesso, in una Sala di qualche Parco di Studi e Riflessione, o anche solo in una riunione fra gli amici, o a volte da solo, in contatto con il Cosmo, di pregare per la pace; io lo chiamolanciare una richiesta, ma è un modo di dire la stessa cosa della preghiera: concentrare la mente verso la realizzazione di qualcosa di veramente importante.

E’ diverso tempo che la Pace manca  da questo pianeta; e, nel mondo globalizzato, gli stessi pacifisti fanno terribili dispute su quante guerre siano attualmente in corso.

Al tempo stesso la stessa percezione unitaria che ci hanno regalato gli astronauti, il “rotondo albergo blu, velato dalle nubi” dovrebbe spingerci “naturalmente” verso la pace.

Ma torniamo all’invocazione:

Abbiamo provato tante volte e per tanti anni a risolvere i nostri conflitti con le nostre forze e anche con le nostre armi; tanti momenti di ostilità e di oscurità; tanto sangue versato; tante vite spezzate; tante speranze seppellite… Ma i nostri sforzi sono stati vani. Ora, Signore, aiutaci Tu! Donaci Tu la pace, insegnaci Tu la pace, guidaci Tu verso la pace. Apri i nostri occhi e i nostri cuori e donaci il coraggio di dire: “mai più la guerra!”; “con la guerra tutto è distrutto!”. Infondi in noi il coraggio di compiere gesti concreti per costruire la pace. Signore, Dio di Abramo e dei Profeti, Dio Amore che ci hai creati e ci chiami a vivere da fratelli, donaci la forza per essere ogni giorno artigiani della pace; donaci la capacità di guardare con benevolenza tutti i fratelli che incontriamo sul nostro cammino. Rendici disponibili ad ascoltare il grido dei nostri cittadini che ci chiedono di trasformare le nostre armi in strumenti di pace, le nostre paure in fiducia e le nostre tensioni in perdono. Tieni accesa in noi la fiamma della speranza per compiere con paziente perseveranza scelte di dialogo e di riconciliazione, perché vinca finalmente la pace. E che dal cuore di ogni uomo siano bandite queste parole: divisione, odio, guerra! Signore, disarma la lingua e le mani, rinnova i cuori e le menti, perché la parola che ci fa incontrare sia sempre “fratello”, e lo stile della nostra vita diventi: shalom, pace, salam! Amen.

Cosa dice Bergoglio? Che gli Esseri Umani non sono capaci di risolvere i loro conflitti e che bisogna sperare che li risolva Dio, padre di noi tutti (aggiunge). E che la pace resti un tema delle religioni monoteiste principali.

Ci aspettavamo almeno che da qualche parte ricordasse e chiedesse perdono per le volte che il maligno (sì, amici miei, parla anche del maligno) si è infiltrato nelle file dei suoi, quando i preti hanno benedetto, e continuano a benedire, i cannoni. Quando la chiesa ha armato crociate per uccidere, a volte in modo particolarmente crudele, coloro che non professavano la loro religione. Quando la chiesa ha taciuto, quando ha incoronato Re bellicosi.

Non oso pensare al fatto che gli potesse venire in mente di denunciare i veri colpevoli di tutte le guerre ed in particolare di quella che si svolge in Terrasanta: i guerrafondai che guadagnano sulla vendita delle armi, coloro che fomentano e finanziano il fanatismo di ogni parte, i militaristi che esaltano i principi della guerra e della sopraffazione. Coloro che credono e praticano la guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali.

La Pace è una diretta conseguenza delle azioni umane e delle intenzioni che guidano tali azioni; e se uno Spirito Superiore, immaginato da Esseri Umani, può servire a qualcosa è solo ad illuminare e comprendere quelle intenzioni umane: intenzioni rapaci o solidali, misericordiose o spietate, violente o nonviolente. Non possiamo sperare di lasciarci nelle mani di Dio dimenticandoci dell’Essere Umano e non dobbiamo perpetuare questo errore che ha tanto nuociuto a tutta l’Umanità.

Caro Francesco, bene tentare una via per la pace ma, come dice un Maestro di un’altra religione che non ti è venuto nemmeno in mente di chiamare Thich Nath Hanh “non c’è via per la pace, la pace è la Via”. Per cui apprezzeremo di più le sfilate mediatiche quando esse saranno accompagnate da sforzi sinceri e quotidiani di riconciliazione, di riparazione, di denuncia, di testimonianza.

Annunci

One Comment to “Nelle mani di Dio”

  1. Bel post, mi piace! 🙂
    Io nel mio blog mi occupo di libri, musica e telefilm! Se ti va passa e fammi sapere che ne pensi 🙂
    loscrittoreimpenitente.wordpress.com
    Ancora complimenti! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: