Posts tagged ‘Parma’

aprile 2, 2018

Parma: Nicoletta Paci, vogliamo dare grande attenzione alla partecipazione

Pubblicato su Pressenza il 02.02.2018

Quest’articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Parma: Nicoletta Paci, vogliamo dare grande attenzione alla partecipazione
(Foto di Comune di Parma)

Nicoletta Paci è assessora alla partecipazione e ai diritti dei cittadini a Parma, nella giunta Pizzarotti, ed ha promosso insieme a tutta l’amministrazione la realizzazione dei Consigli dei Cittadini Volontari le cui elezioni si terranno nei prossimi giorni, dal’8 al 14 Febbraio

Intanto ci può chiarire il senso di quest’assessorato che, di norma, si chiama “al decentramento”: cosa volevate sottolineare scegliendo questo nome?

Volevamo sottolineare proprio la grande attenzione che, come amministrazione comunale, vogliamo dare alla PARTECIPAZIONE, in tutte le sue forme. Il termine Decentramento ci sembrava riduttivo e con un’accezione leggermente negativa. Invece per noi, sia che si tratti di zone centrali della città che di aree più periferiche, è importante che tutti siano partecipi della vita sociale della città, facendosene carico e collaborando attivamente per la soluzione dei problemi.

Ci può raccontare il processo che porterà all’elezione dei Consigli dei Cittadini Volontari?

Il processo è iniziato con l’estrazione a sorte dall’anagrafe comunale di 300 nominativi per ciascun quartiere, equamente distribuiti fra uomini e donne e divisi per fasce d’età in modo da rappresentare uno spaccato veritiero della composizione della nostra cittadinanza. A questi cittadini sono state inviate lettere di invito a candidarsi per essere consiglieri nei Consigli dei Cittadini Volontari (CCV) del proprio quartiere. Contemporaneamente è partita la campagna di candidatura anche per quei soggetti che hanno proposto autonomamente la propria candidatura per i CCV.  Per queste persone è stato necessario raccogliere un minimo di 25 firme a sostegno della propria candidatura da presentare poi on –line sul sito del Comune di Parma.

Dopo la chiusura di questa prima fase e una volta stabilite le liste si passerà alle votazioni aperte a tutta la cittadinanza. Si svolgeranno dall’8 al 14 febbraio con modalità on line o assistita preso alcuni nostri punti dove c’è maggiore affluenza di pubblico.

Ci tengo a precisare che per il nostro sistema di votazione on-line abbiamo ricevuto anche un premio nel 2016 come miglior sistema di e-Governance fra quelli della rete.

Come funzioneranno? Che potere avranno?

I Consigli avranno potere consultivo e propositivo verso l’amministrazione comunale. Dovranno altresì fare da collante con tutte le realtà del territorio a loro assegnato e quindi cogliere e coordinare le attività delle varie associazioni, gruppi o singoli cittadini che si rivolgono a loro per le varie istanze o progetti. Saranno anche fulcro per lo sviluppo del bilancio partecipativo o per l’attuazione del regolamento di cittadinanza attiva, due altre forme di partecipazione che abbiamo implementato.

La vostra giunta, rieletta da poco, ha già effettuato numerose iniziative a favore della partecipazione dei cittadini, ce le può ricordare?

Come appena citato abbiamo adottato il Regolamento di Cittadinanza attiva che ha dato vita a piccoli progetti di recupero urbano proposti dai cittadini e che vogliamo allargare ulteriormente nei prossimi anni. Poi c’è stato il Bilancio partecipativo per il quale abbiamo messo a disposizione € 500.000 a favore di progetti proposti dalla cittadinanza e mediati attraverso i CCV. Di tutti quelli che sono pervenuti e che sono stati votati, si sono realizzati o sono in via di realizzazione i primi dieci per un importo di e 50.000 circa a progetto.

Sul fronte invece dei nuovi cittadini italiani abbiamo costituito la “Consulta dei popoli” e il Consigliere Aggiunto che cercano di dare voce e risalto ai nuovi italiani presenti sul nostro territorio.

Parma fa parte dell’Associazione dei Comuni Virtuosi: in questo mondo in cui ci vogliono far credere che tutti i politici amministrano per il proprio tornaconto personale c’è che sta cercando di porre un nuovo modello di politico, al servizio del cittadino: come sta andando questa esperienza?

Direi bene visto che i parmigiani ci hanno appena rieletto e mostrano entusiasmo per le attività che gli dedichiamo. Rispetto alla precedente elezione dei CCV infatti abbiamo registrato un aumento del 40% dei cittadini che si sono offerti come candidati e soprattutto un aumento di oltre il 50% fra i ragazzi di età compresa fra i 16 e i 20 anni. Questo per noi è un dato davvero molto importante perché significa interessare le giovani generazioni che oggi sono spesso indifferenti o lontane da ogni forma di partecipazione sociale attiva.

Annunci
maggio 11, 2017

Una città più umana è una città sicura

Pubblicato su Pressenza il 08.03.2017

Una città più umana è una città sicura

(Foto di Comune di Parma)

Cristiano Casa è Assessore alla sicurezza del Comune di Parma, giunta Pizzarotti. La sicurezza fa pensare spesso, di questi tempi, a vigilantes, controlli polizieschi e cose del genere. A Parma hanno affrontato il tema anche da un altro punto di vista.

 

Assessore come nasce il vostro progetto sulla sicurezza “controllo di vicinato”?

Nasce dall’esigenza di coinvolgere tutti gli attori presenti sul territorio nell’azione di presidio e controllo: dalle Forze dell’Ordine alla Polizia Municipale, dagli istituti di vigilanza privata fino appunto alla cittadinanza. Pensiamo che solo integrando tutte le risorse disponibili è possibile far fronte alle gravi carenze di organico delle Forze dell’Ordine e della Polizia Municipale. Da qui è nato il Patto per una “Città più Sicura” sottoscritto dal Prefetto, dal Sindaco di Parma e dalle Forze dell’Ordine, in cui sono delineate tutte le funzioni attribuite ai vari attori della sicurezza cittadina. Tra queste è presente quindi anche il progetto di Controllo di Vicinato che prevede la partecipazione attiva della cittadinanza.

 

Come nasce l’idea?

Io mi ricordo com’era Parma, così come erano in generale le città italiane qualche decennio fa. Esisteva un tessuto sociale fatto di vicini, di negozi, di legami affettivi. E questo tessuto sociale garantiva sicurezza, forniva un rispetto reciproco e, di conseguenza, un presidio naturale. Ora tutto questo, in generale, non esiste più. Questa rete di relazioni sociali così tipica della tradizione italiana si è un po’ persa. È anche aumentata la litigiosità tra le persone: per un banale incidente senza feriti non si compila più la constatazione amichevole, ma si chiamano i vigili o le Forze dell’Ordine perché non ci si fida più del prossimo. Da questa situazione di distanza tra le persone nasce l’idea del controllo di vicinato che è stato importato dalla tradizione anglosassone proprio dove i rapporti sociali erano più freddi.

 

Qual è l’obiettivo e cosa state facendo in concreto?

L’obiettivo è avvicinare le persone affinché ricomincino ad aiutarsi. Rendere i cittadini protagonisti e consapevoli. Concretamente si formano gruppi di volontari che si occupano di un piccolo territorio: un condominio, una strada, una piazza, una frazione. Hanno minimi sistemi di collegamento tra di loro, un gruppo su whatsapp per esempio. Una volta costituito, un gruppo viene identificato un coordinatore che si metterà in diretto rapporto con la Polizia Municipale e le Forze dell’Ordine e, nella zona di riferimento, il Comune installa la cartellonistica che informa che è attivo il gruppo di controllo. Tramite il coordinatore del gruppo ogni persona segnala comportamenti o situazioni potenzialmente pericolose, mentre in casi di emergenza deve sempre chiamare le Forze dell’Ordine affinché intervengano nell’immediato.

A Parma è nato un gruppo pilota a Roncopascolo, una frazione della periferia della città. In quel quartiere le persone non si conoscevano tra loro e si erano verificati molti furti. Hanno avviato il progetto di controllo di vicinato e le persone hanno iniziato a conoscersi ed è nato quel presidio naturale che prima mancava. Da diversi mesi non si verificano più furti, tra le persone si è creata una bella atmosfera e la frazione è rinata.

Da questo modello e, in applicazione del Patto per una “Città più Sicura”, stiamo girando i quartieri della città insieme ai rappresentanti della Polizia Municipale e delle Forze dell’Ordine illustrando il progetto alla cittadinanza e raccogliendo le adesioni all’attivazione dei gruppi di controlli di vicinato. Da questi incontri stanno già nascendo diversi gruppi.

 

Una città più umana è una città sicura: una buona sintesi del progetto?

Assolutamente sì.  Dobbiamo superare la diffidenza verso il vicino, o verso l’immigrato che diventa automaticamente persona pericolosa. Dobbiamo ritrovare la fiducia reciproca; attenti con le persone pericolose, ma fiduciosi con i nostri vicini.

Il Comune fa la sua parte installando nuovi e moderni sistemi di video sorveglianza, incentivando l’occupazione del suolo pubblico da parte di bar e ristoranti con tariffe agevolate e lavorando al decoro urbano. Abbiamo rivisto il Regolamento di Polizia Urbana, che era fermo al 1989, adeguandolo alle esigenze di oggi.

Dobbiamo recuperare, con intelligenza, quei presupposti di convivialità che abbiamo perso. Il Comune deve creare le condizioni, mentre i cittadini devono ricominciare a partecipare. Così possiamo tornare a vivere in città vivibili e umane.

Tag: