Posts tagged ‘Ucraina’

agosto 19, 2017

Ucraina: come proteggersi dalle fake news

Pubblicato su Pressenza il 13.07.2017

Ucraina: come proteggersi dalle fake news

La redazione del sito

Mauro Voerzio è il responsabile della pagina italiana (http://www.stopfake.org/it/) di un progetto internazionale per smascherare le notizie false che circolano sull’Ucraina.

 

Mauro ci vuoi raccontare un po’ questo progetto?

Il progetto StopFake nasce nel 2014 all’indomani del Maidan e dell’inizio della guerra con la Russia. L’Ucraina è stata il test delle nuove guerre ibride ed è stato il test anche della nuova stagione di war information. In pratica è stata il campo per verificare il funzionamento della grande macchina di propaganda messa a punto dalla Russia con lo scopo di destabilizzare Stati stranieri.
Di pochi giorni fa anche un’altro tipo di test effettuato dalla Russia nel campo della CyberWar.

StopFake nasce da questa esigenza, mettere in campo uno strumento per contrastare la guerra informativa. La scelta è stata quella del debunking, ovvero di contrastare i fake con dei dati oggettivi
facilmente verificabili da chiunque.
Siamo coscienti che non è la risoluzione finale del problema FakeNews, esistono infatti molti fenomeni che sfuggono alla logica, il più famoso di tutti è il backfire effect, cioè la radicalizzazione di chi, esposto alla FakeNews, di fronte ai motivi per cui quella notizia è falsa, il soggetto crede ancora di più al falso. Nonostante tutto crediamo che con il tempo le persone diventeranno più consapevoli e tramite servizi come il nostro acquisiranno quegli strumenti culturali per riconoscere da se un fake da una notizia vera.

Qual è la vostra metodologia di lavoro?

La redazione conta di 29 persone, tutti volontari. Riceviamo donazioni da elementi esterni dall’Ucraina proprio per evitare di essere assoggettati all’una o all’altra parte ed utilizziamo quei fondi per le spese correnti e per missioni all’estero in partecipazioni a conferenze sul tema fakenews

Il sito è tradotto in 11 lingue e l’Italia è il quarto paese per numero di accessi dopo Ucraina, Russia e Stati Uniti,

Nonostante siamo chiaramente un progetto Ucraino che ha il compito di svelare le FakeNews provenineti dalla Russia non ci consideriamo parte integrante di una parte e non parteciapiamo mai alla propaganda. Il
nostro lavoro è analitico, investigativo e qualche volta forensico.
Dimostriamo con fatti oggettivi perchè una notizia è falsa o perchè una foto è stata scattata altrove.

Abbiamo in tre anni scoperto più di mille fake, quasi uno al giorno. L’Italia non è immune al fenomeno, infatti risente di una forte influenza russa e pertanto spesso e volentieri alcuni siti (organici alla propaganda russa) rilanciano i fake provenienti da Mosca o ne creano di nuovi. Un recentissimo esempio di qualche giorno fa è stato l’articolo di Maurizio Blondet che si basava su foto scattate non in Ucraina per una critica omofobica al Gay Pride che si è tenuto a Kyiv.(http://www.stopfake.org/it/blondet-un-fake-omofobico-contro-l-ucraina-di-cattivissimo-gusto/)

Un vecchio adagio giornalistico dice che in guerra la maggior parte delle notizie sono propaganda: come fate voi per evitare di cadere nella trappola?

Le critiche che riceviamo non sono mai su quanto pubblicato, ma a seconda dei casi di essere agenti della CIA, sponsorizzati da Soros, neonazisti ecc. ecc. Se fossimo dei propagandisti su mille articoli forse avrebbero trovato dei motivi per attaccarci nel merito, ma non è mai successo. Il nostro direttore Eughen Fedchenko è molto fermo su questo punto, lui ci ripete tutti i giorni “noi siamo giornalisti, noi facciamo indagini e pubblichiamo solo se la notizia è certa al 100%, se abbiamo dei dubbi su un debunking non lo pubblichiamo”. Solo così ci siamo creati una solida credibilità e di questi tempi non è poco.

Noi cerchiamo di essere il più analitici possibile tanto che il nostro metodo di lavoro è diventato di esempio anche in America, ne hanno parlato CNN, NYT WAPO, mentre in Europa il The Guardian e la BBC dopo
la Brexit. Non si tratta di prendere le difese di una parte, si tratta di far emergere il buon giornalismo contro le sue manipolazioni, una persona informata correttamente è una persona libera, una persona
sottoposta a barinwashing è facilmente manipolabile.

Qual è il vostro auspicio sulla situazione di conflitto in Ucraina, Crimea e territori contesi?

Ovviamente per tutti coloro che vivono e lavorano in Ucraina l’auspicio è che la guerra termini presto ma i segnali che arrivano da Mosca vanno in senso opposto, anzi si ha la sensazione che siamo solo agli inizi di un conflitto che potrebbe divenatare più generale. In Ucraina si ha la consapevolezza che il paese non è il vero obiettivo della Russia, è solo un grande campo di addestramento dove verificare nuove metodologie di guerra, dalla guerra ibrida a quella informativa sino alla cyberwar. Il vero obiettivo della Russia è il dissolvimento dell’Unione Europea sostituita da una alleanza EuroAsiatica a guida russa. E’ tutto scritto, come ai tempi del Mein Kampf, basta leggere i libri di Aleksandr Dugin (filosofo e mentore di Putin) per capire a cosa puntano.La Crimea imploderà in breve tempo da sola, la situazione sulla penisola è al collasso, mancano medicine, acqua, i prezzi del cibo sono alle stelle e i turisti l’hanno abbandonata. Per il Donbass è differente, si tratta di una piccolissima porzione di terreno (paragonabile alla provincia di Torino in Italia), terreno che ad oggi
nessuno vuole più in quanto devastato da tre anni di guerra. La Russia lo usa come motivo di frizione continua con l’Europa ma non pensa neanche lontanamente ad annetterselo, l’Ucraina se potesse glielo
lascierebbe ma pagherebbe la scelta con fortissime tensioni interne in quanto sarebbe come abbandonare tutti quei cittadini che ancora oggi sono prigionieri di quella situazione. A mio parere come ci si muove
in Donbass si sbaglia, ed è forse per questo che da oltre un anno la situazione è cristallizzata nonostante i combattimenti provochino morti tutti i giorni.
Annunci
Tag: ,
luglio 23, 2017

Ucraina: lavoriamo per avvicinare i popoli

Publicato su Pressenza il 10.07.2017

Ucraina: lavoriamo per avvicinare i popoli

I bambini ucraini disegnano contro la guerra (Foto di Associazione Italia-Ucraina Maidan)

Mauro Colombo è segretario esecutivo dell’Associazione Italia-Ucraina Maidan, associazione culturale che opera da vari anni nel campo dell’aiuto umanitario alle popolazioni colpite dalla guerra, dell’informazione sulla realtà dell’Ucraina e sulla fratellanza tra i popoli.

In questi giorni l’Associazione ha spedito in Donbass due containers di aiuti umanitari.

Mauro, puoi intanto darci i dettagli di questa ultima operazione e spiegarne il perché?

Dai primi giorni del conflitto, l’Ucraina ha dovuto gestire un’enorme quantità di problemi, tra i quali il 1.400.000 profughi interni provenienti dalle zone del Donbass occupate dai separatisti filorussi e dalla Crimea, illegalmente annessa alla Russia.
La risposta della società civile è  stata esemplare e si sono attivate molte associazioni sul territorio. Purtroppo la disponibilità economica in Ucraina è molto scarsa a causa di oltre 26 anni di crisi. Noi abbiamo lavorato con la diaspora in Italia organizzando raccolte fondi per poter inviare vestiti,  cibo e materiale sanitario. Oltre a contribuire alle necessità pratiche ci interessa molto che ai profughi fuggiti dalla guerra arrivi un messaggio importante: non siete soli, non credete alla propaganda, i vostri fratelli sono qui e si occupano di voi.

Perché  hai nominato la Crimea? Li non c’è la guerra…

Prima  dell’annessione illegale alla Russia, le lingue ufficiali erano l’ucraino, il russo e il tataro. Ora è solo il russo e le minoranze etniche ucraina e tatara sono state vittime di gravi  discriminazioni e abusi fino  dai primi giorni. Molti hanno perso la casa o l’attività commerciale, in favore dei nuovi occupanti. Molte migliaia di persone hanno abbandonato la penisola temendo per la propria incolumità e quella dei propri cari.
Al leader tataro e parlamentare ucraino Mustafà Djemilev è  stato vietato l’ ingresso sulla sua terra, la Crimea.
Ma di questo ci sarebbe molto da parlare.

La situazione sul terreno qual è?

Ora la situazione profughi è stabile, la guerra si percepisce solo sulla linea del fronte, ma tutto il paese si aspetta cambiamenti radicali e profondi. Si respira una certa insofferenza perché da una parte non è semplice mettere mano a gravi problemi che affliggono il paese, dall’altra ci sono molte forze che si oppongono ai cambiamenti. In molti casi il ”nemico” non è  oltre il fronte, bensì  all’interno del paese.

C’è un certo silenzio sul conflitto da quando sono stati raggiunti degli accordi di cessate il fuoco: quali sono le prospettive verso una pace definitiva?

Al momento il conflitto è  classificato ” a bassa intensità ‘: ciò  significa che due morti e cinque feriti in media al giorno e 3  milioni di persone in ostaggio di pazzi mercenari non sono urgenti per nessuno.
Gli accordi di Minsk sono stati disattesi dai primi minuti successivi le firme.
Putin non abbandonerà mai la Crimea perché strategica a livello militare.
Il conflitto in Donbass serve alla Russia per tenere sotto scacco l’Ucraina e impedirle di sfuggire alla propria orbita. Sarà un conflitto congelato come è  stato, ed è  ancora, per Trasnistria, Ossezia del Nord, Inguscezia, Abkhazia e Nogorno Karabak.

Forse a molti i nomi di queste regioni risulteranno sconosciuti; spesso siamo distratti quando le bombe cadono provenendo da est… comunque fanno  parte dello stesso disegno.

La pace non sarà  possibile finché saremo indulgenti sulla violazione degli accordi internazionali e finché l’ ONU sarà immobilizzata dalla possibilità  di porre il veto da parte dei paesi più  potenti.

Nel frattempo lavoriamo con la gente nell’intento di frenare l’escalation di odio e favorire l’avvicinamento tra i popoli a dispetto degli interessi delle élite dei potenti.